logo CYPE

Software per Architettura,
Ingegneria ed Edilizia

PRODOTTI

CYPECAD

icona Richiesta informazioni sui prodotti CYPE

CYPECAD

Strutture affidabili, disegni esecutivi molto precisi

CYPECAD è stato concepito per eseguire il calcolo e il dimensionamento di strutture in calcestruzzo armato e in acciaio, sottoposte ad azioni orizzontali e verticali, per edifici e progetti di opere civili.

Il suo utilizzo garantisce la massima affidabilità di calcolo e il miglior progetto di disegni esecutivi, tra cui:


Solai

Screenshot CYPECAD

I solai unidirezionali possono essere realizzati mediante travetti in calcestruzzo (generici), prefabbricati saldati, prefabbricati precompressi, gettati in opera, in acciaio (profilati a T e a doppio T) e tralicciati in acciaio. In tutti essi si esegue il calcolo della freccia.

È possibile trovare maggiori informazioni circa i solai unidirezionali ammessi da CYPECAD in Solai unidirezionali (travetti in calcestruzzo generici) e in Solai con travetti gettati in opera, prefabbricati e in acciaio (richiede il modulo Solai unidirezionali).

Il programma contempla inoltre solai a lastra, nervati, a piastre alleggerite (alveolari) e solai in getto pieno.

Screenshot CYPECAD

Travi

Screenshot CYPECAD

Le travi che sorreggono i solai possono essere in calcestruzzo, in acciaio (ad anima piena o alleggerita) e miste. Inoltre, è possibile introdurre mensole tozze.

È possibile trovare maggiori informazioni circa le travi che si possono inserire in CYPECAD in Travi in calcestruzzo e in Travi in acciaio.

Elementi di sostegno

I pilastri possono presentare sezione rettangolare e circolare in calcestruzzo armato o in acciaio. È possibile trovare maggiori informazioni circa i pilastri che è possibile definire in CYPECAD in Pilastri in calcestruzzo e in Pilastri in acciaio.

Le pareti di taglio possono essere rettangolari o presentare in pianta qualsiasi forma geometrica composta da rettangoli.

I muri possono essere soggetti o meno a spinte laterali; è possibile utilizzare muri in calcestruzzo armato, muri in muratura generici e muri in blocchi di calcestruzzo, armati o meno (le dimensioni dei blocchi vengono specificate dall’utente o ricavate direttamente da cataloghi di fabbricanti quali NORMABLOC (Associazione Nazionale di Fabbricanti di Blocchi in Calcestruzzo e Muratura).

Screenshot CYPECAD Screenshot CYPECAD I muri possono inoltre contenere aperture. Il programma calcola le armature aggiuntive necessarie delle aperture in muri in calcestruzzo armato (trave, parapetto, laterali e diagonali) e l’armatura della trave nel caso in cui si definiscano aperture in muri in blocchi di calcestruzzo. È possibile ricavare elenchi delle verifiche eseguite nel calcolo di tali armature, che possono essere consultati sullo schermo o inviati alla stampante per una loro consultazione cartacea.

Si calcola inoltre la trave di coronamento in tutti i tipi di muri e la trave intermedia a livello del piano in muri in muratura generici e in muri in blocchi di calcestruzzo.

Scale

Screenshot CYPECADCYPECAD esegue il calcolo e il dimensionamento di scale come elementi isolati dalla struttura. In funzione della geometria, del tipo e della disposizione degli elementi di appoggio e dei carichi gravitazionali applicati, il programma determina le reazioni sulla struttura principale, che si traducono in carichi lineari e superficiali (per i gradini rialzati) nelle corrispondenti ipotesi di carico permanente e di carico di esercizio.

Screenshot CYPECAD Screenshot CYPECAD

Il programma calcola le scale basandosi sul metodo degli elementi finiti, considerando due ipotesi comuni per il calcolo di scale: carico permanente e carico di esercizio.

CYPECAD mostra sullo schermo l’armatura di ciascun tratto costituente il vano scale. È inoltre possibile consultare, in una vista tridimensionale, gli spostamenti, le azioni interne e la deformata di ciascun tratto.

Fondazione

Screenshot CYPECAD

La fondazione può essere rigida (realizzata tramite plinti e plinti su pali) o su suolo elastico (con travi e piastre di fondazione, definendo il modulo di sottofondo previsto dalla teoria di Winkler).

È possibile calcolare la fondazione solamente se si inseriscono elementi di appoggio di pilastri.

I plinti isolati e combinati, che possono essere in calcestruzzo armato o in calcestruzzo non armato, possono sostenere più pilastri.

I plinti su pali ammettono un numero multiplo di pali; la loro tipologia è molto ampia:

Sia sui plinti che sui plinti su pali possono insistere più pilastri senza restringere la loro posizione sullo stesso elemento di fondazione.

Anche le travi di collegamento agiscono su plinti su pali e i cordoli di collegamento li collegano.

CYPECAD esegue il calcolo di piastre di ancoraggio per qualsiasi disposizione del pilastro in acciaio (profilati semplici e composti).

È possibile trovare maggiori informazioni circa le fondazioni dimensionate da CYPECAD e Strutture 3D in Calcolo e dimensionamento di fondazioni.

Dati generali

Screenshot CYPECADSi definiscono le azioni di vento e sisma (analisi modale spettrale), selezionando le caratteristiche conformemente a quanto previsto nelle norme. In entrambi i casi è possibile attivare la considerazione degli effetti del secondo ordine (P-delta).

Si possono definire liberamente il numero di ipotesi e i carichi lineari, superficiali e puntuali, in qualsiasi posizione.

Il programma genera automaticamente il peso proprio di tutti gli elementi e qualsiasi combinazione di ipotesi definita dall’utente conformemente alle condizioni indicate (compatibili, incompatibili o contemporanee). Ad esempio, crea automaticamente la combinazione di ipotesi corrispondente a una situazione di carico rappresentata da un sovraccarico generico e dall’azione di un treno di carichi situati in diverse posizioni. Le posizioni del treno di carichi sono incompatibili tra di loro, ma ciascuna di esse è compatibile con il sovraccarico generico e con il resto delle ipotesi di diversa natura.

L’utente può inoltre definire situazioni di progetto proprie per personalizzare le combinazioni che intende utilizzare nei calcoli corrispondenti agli elementi strutturali del progetto.

CYPECAD è adattato a diverse normative nazionali e internazionali e dispone inoltre di numerose opzioni di calcolo, tra cui spiegazioni e grafici visibili sullo schermo utili per personalizzare l’analisi, il calcolo e l’armatura tramite l’ausilio di tabelle.

Inserimento di dati (Geometria della struttura)

L’introduzione geometrica di un progetto in CYPECAD si esegue nelle viste in pianta dei differenti piani della struttura, allo stesso modo in cui si visualizzano i disegni esecutivi, evitando così un inserimento di dati in tre dimensioni, che risulterebbe molto più complesso.

Screenshot CYPECADMediante il programma è possibile inserire i dati di una struttura in tre modi differenti:

Durante il processo di inserimento di una struttura, è possibile combinare a proprio piacimento qualsiasi modalità fra le tre sopra menzionate:

Screenshot CYPECAD

Le travi possono presentare un andamento rettilinee o curvo e la loro modalità di introduzione può essere continua o discontinua. È possibile applicare spostamenti e adattamenti a file DXF o DWG durante l’inserimento di travi o una volta ultimato il loro posizionamento nel piano, e inserire il numero desiderato di piani, pilastri, travi o campi.

Se l’utente dispone del modulo di inserimento automatico di progetti, non solo potrà adattare travi a linee di DXF o DWG, ma anche a poligonali aperte o chiuse presenti in tali file di disegno.

Si può ottenere la vista 3D solida e immediata (in prospettiva conica o isometrica) di qualsiasi piano o dell’intero edificio, senza dover eseguire nessun calcolo previo.

Screenshot CYPECAD

È possibile muoversi all’interno della struttura con piena libertà quando si visualizza una prospettiva conica. Nella vista 3D, i solai e i muri sono dotati di un grado di trasparenza tale da agevolare la visualizzazione degli elementi che rimangono nascosti.

Screenshot CYPECAD

Per l’introduzione di solai orizzontali o inclinati è necessario definire unicamente piani inclinati individuati da 3 punti, da una retta di pendenza data oppure dalla retta di massima pendenza. Essi vengono attribuiti a campi inseriti precedentemente in proiezione orizzontale, evitando in tal modo un complesso inserimento in 3D.

L’intera geometria di un piano può essere copiata su un altro, così come le caratteristiche di un campo su un altro appartenente allo stesso piano e a piani differenti.

Strutture 3D integrate. L'unione di CYPECAD e Strutture 3D

CYPECAD e Strutture 3D sono tra di loro collegati mediante le Strutture 3D integrate, che consentono di inserire in CYPECAD una struttura sotto le stesse ipotesi di calcolo presentate da Strutture 3D.

Screenshot strutture 3D integrate Screenshot strutture 3D integrate
Screenshot strutture 3D integrate Screenshot strutture 3D integrate

Una struttura 3D integrata è una struttura metallica (in acciaio o in alluminio) o in legno, costituita da nodi e aste con sei gradi di libertà, che si connette e vincola alla struttura principale dell’edificio gestita da CYPECAD.

Strutture 3D integrate di CYPECAD non è propriamente un modulo in quanto tale: per definirle l’utente deve disporre della licenza d’uso per utilizzare sia CYPECAD che Strutture 3D. È possibile introdurre più strutture 3D in un singolo progetto di CYPECAD.

Una struttura 3D integrata è vincolata alla struttura di CYPECAD mediante connessioni, che possono essere situate sui seguenti elementi di CYPECAD: pilastri, elementi di appoggio (sui quali è possibile definire un plinto o un plinto su pali), travi, solai in getto pieno, solai nervati oppure travi e piastre di fondazione.

CYPECAD consente di inserire una struttura 3D integrata in due modi distinti:

Attraverso le Strutture 3D integrate, CYPECAD trae profitto dei moduli esclusivi di Strutture 3D; nella sezione Moduli di CYPECAD si indicano: quelli esclusivi di CYPECAD, quelli comuni con Strutture 3D e quelli esclusivi di Strutture 3D che si possono utilizzare anche nelle strutture 3D integrate di CYPECAD.

È possibile trovare maggiori informazioni circa questa importante prestazione di CYPECAD in Strutture 3D integrate di CYPECAD, l’unione di CYPECAD e Strutture 3D.

Calcolo

Analisi delle sollecitazioni

L’analisi delle sollecitazioni si esegue mediante un calcolo spaziale in 3D basato sulle matrici di rigidezza di tutti gli elementi costituenti la struttura: pilastri, pareti di taglio in C.A., muri, travi e solai.

Si stabilisce la compatibilità delle deformazioni in tutti i nodi, considerando 6 gradi di libertà, introducendo l’ipotesi di indeformabilità del piano per ciascuno di essi al fine di simulare il comportamento rigido dei solai, impedendo in tal modo gli spostamenti relativi tra i loro nodi (diaframma rigido).

Pertanto, ogni piano potrà unicamente ruotare e traslare (3 gradi di libertà complessivi).

Si mantiene la considerazione di diaframma rigido per ciascuna zona indipendente di un piano nonostante in esso si inseriscano travi e non solai; tale ipotesi, tuttavia, non può essere applicata a travi isolate che l’utente svincola dal diaframma rigido e a muri che non sono in contatto con solai. È possibile trovare maggiori informazioni in Diaframma rigido a livello del piano in CYPECAD.

Nel momento in cui esistano più zone indipendenti in uno stesso piano, ciascuna di esse si comporta in maniera distinta nei confronti dell’indeformabilità e non si tiene in considerazione nel suo insieme; pertanto, i piani si comportano come piani indeformabili indipendenti. Un pilastro che non è connesso a nessun altro elemento si considera come una zona indipendente.

Si esegue un calcolo elastico per tutti gli stati di carico (tranne quando si considerano azioni dinamiche imputabili al sisma, nel qual caso si utilizza l’analisi modale spettrale) e si ipotizza un comportamento lineare dei materiali; si ricorre pertanto a un calcolo del primo ordine per ricavare gli spostamenti e le azioni interne.

Le Strutture 3D integrate dispongono sempre di 6 gradi di libertà per nodo, analogamente alle.

Si raccomanda di consultare il manuale CYPECAD – Memoria di calcolo ubicato nel menu principale dei programmi di CYPE o nell’opzione Memoria di calcolo del menu a tendina Help di CYPECAD per ottenere informazioni dettagliate circa l’analisi eseguita da CYPECAD.

Calcolo sismico

Il calcolo sismico si esplica mediante un’analisi modale spettrale completa che risolve ciascun modo in termini di un’ipotesi di carico ed esegue l’espansione modale e la combinazione modale per derivare le azioni interne.

Si consiglia di consultare il manuale CYPECAD – Memoria di calcolo ubicato nel menu principale dei programmi di CYPE o nell’opzione Memoria di calcolo del menu a tendina Help di CYPECAD per ottenere maggiori informazioni circa il calcolo sismico eseguito da CYPECAD.

Correzione dovuta al taglio alla base per il calcolo sismico mediante analisi dinamica

Alcune normative sismiche richiedono il soddisfacimento della condizione di taglio minimo alla base nel momento in cui si applica il metodo dinamico modale con spettro di risposta per il calcolo dell’azione sismica. La verifica del taglio alla base è implementata in CYPECAD per le seguenti normative:

Il valore del taglio dinamico totale alla base (Vd), ottenuto mediante combinazione modale (CQC), per qualsiasi direzione di analisi, non può essere minore di un determinato valore limite, corrispondente a una percentuale (α) del taglio alla base della struttura calcolata tramite il metodo statico (Vs); si deve cioè soddisfare la condizione: Taglio dinamico totale alla base
In caso contrario, i risultati dell’analisi lineare dinamica si devono correggere mediante il fattore:Fattore di correzione dovuta al taglio alla base
La correzione interessa tutti i risultati dell’analisi dinamica quali, tra gli altri, gli spostamenti, le distorsioni, le forze agenti ai vari piani, il taglio di piano, il taglio alla base e le forze gravanti sugli elementi.

Criteri di gerarchia delle resistenze per progettazione sismica

Nel momento in cui si attiva l’azione sismica in CYPECAD, il programma tiene in considerazione i criteri di gerarchia delle resistenze per la progettazione sismica di pilastri e travi in calcestruzzo per le seguenti normative:

I suddetti criteri si applicano in CYPECAD e si illustrano nelle relazioni dettagliate delle verifiche agli stati limite ultimi nel momento in cui le normative selezionate sono quelle sopra indicate.

Calcolo sismico con amplificazione delle azioni interne in piani diafani o con tramezzi meno rigidi rispetto al resto dei piani

CYPECADP

 

CYPECAD

 

CYPECAD

La considerazione dell’effetto degli elementi non strutturali (chiusure verticali e partizioni) sul comportamento di un edificio sottoposto ad azioni sismiche è di fondamentale importanza, specialmente quando esistano piani diafani o in cui siano presenti tramezzi e tamponature meno rigide rispetto al resto dei piani.

Esistono normative (ad esempio, la IS 13920 (India) – Soft storey o il Reglamento CIRSOC 103-2008 (Argentina) – Piso débil) che impongono di contemplare l’assenza o la diminuzione di rigidezza dei tramezzi e delle chiusure verticali tramite l’applicazione di fattori di amplificazione di momenti e tagli per pilastri, travi, muri e pareti di taglio in quei piani che presentano una rigidezza minore rispetto ad altri piani nei confronti degli spostamenti orizzontali indotti dall’azione sismica.

La versione 2013.l di CYPECAD consente di inserire i suddetti fattori nei piani che l’utente desidera, indipendentemente dalla normativa selezionata; a tale scopo, è stata implementata l’opzione Amplificazione delle azioni interne per piano ubicata nel riquadro di dialogo Dati generali (menu Progetto > Dati generali). Dopo aver cliccato su di essa, nell’omonimo riquadro di dialogo che si apre, il programma mostra i fattori di amplificazione dei momenti e dei tagli previsti dalla normativa selezionata (sempre che quest’ultima contempli l’effetto della minor rigidezza dei piani con tramezzi più deboli) affinché l’utente scelga i piani in cui desideri applicarli. L’utente può anche “personalizzare” i suddetti fattori, specialmente nel caso in cui abbia selezionato una normativa che non contempli gli effetti sopra mostrati.

Il metodo illustrato, che permette di considerare l’effetto provocato dall’assenza di tramezzi e chiusure verticali in determinati piani nei confronti dell’azione sismica, è un’approssimazione del reale comportamento dell’edificio.

CYPECAD è dotato di un’utility informatica che contempla in maniera più dettagliata l’influenza provocata dalla distribuzione dei tramezzi e delle chiusure verticali nell’edificio. Il presente modulo Interazione della struttura con gli elementi costruttivi.

Interazione della struttura con gli elementi costruttivi

CYPECAD è dotato di un’utility informatica che consente di eseguire l’analisi dinamica di edifici sottoposti ad azioni sismiche considerando l’effetto degli elementi costruttivi non strutturali utilizzati per la realizzazione di chiusure verticali e partizioni. Il programma contempla vari modelli comportamentali dell’edificio corrispondenti a differenti situazioni o stati dei suddetti elementi.

Le chiusure verticali e le partizioni si considerano elementi “non strutturali”; tuttavia, durante il verificarsi di un sisma, apportano rigidezza alla struttura, dal momento che comportano modifiche nella distribuzione e intensità delle azioni interne derivanti dall’azione sismica. Ad esempio, nel momento in cui tra i vari piani di un edificio vi sia una distribuzione non uniforme delle rigidezze associate alle chiusure verticali, le forze orizzontali incidono maggiormente sui pilastri appartenenti ai piani dotati di minor rigidezza, dando luogo a tagli di elevata intensità nei pilastri. Se questi non fossero progettati adeguatamente, tali azioni interne potrebbero provocarne una rottura fragile, il che metterebbe in serio pericolo la stabilità globale dell’edificio e ne provocherebbe il collasso.

Il presente modulo è stato sviluppato da CYPE, con la collaborazione del Centro Internacional de Métodos Numéricos en Ingeniería (CIMNE) della Universidad Politécnica de Cataluña (UPC), finanziato dal Centro para el Desarrollo Tecnológico Industrial (CDTI) e cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

Attualmente non esistono sul mercato strumenti informatici che consentano di eseguire il calcolo strutturale di edifici che integrino la possibilità di considerare in maniera semplice chiusure verticali e partizioni, nonostante sia dimostrato che esse influenzino direttamente la stabilità, rigidezza e sicurezza dell’edificio nei confronti di un terremoto. Dato che il modulo di CYPECAD in questione le contempla, mantenendo le tempistiche computazionali entro valori ammissibili, la loro integrazione in progetti edilizi ne incrementerà la qualità e la sicurezza degli occupanti, potendo in tal modo evitare lamentabili perdite sia materiali che umane in seguito al verificarsi di un terremoto.

Può trovare maggiori informazioni a riguardo alla pagina Interazione della struttura con gli elementi costruttivi.

CYPECAD. Interazione della struttura con gli elementi costruttivi

Verifica di resistenza al fuoco

Screenshot CYPECADMediante il modulo Verifica di resistenza al fuoco, CYPECAD esegue la verifica della resistenza al fuoco e dimensiona il rivestimento protettivo degli elementi strutturali del progetto in acciaio e calcestruzzo (travi, solai, pilastri, pareti di taglio e muri in calcestruzzo; travi e pilastri in acciaio; aste in acciaio nelle strutture 3D integrate) conformemente alle norme CTE DB SI 6 ed Eurocodice (EN 1992-1-2:2004 ed EN 1993-1-2:2005). CYPECAD non esegue la verifica di resistenza al fuoco per muri in blocchi di calcestruzzo e per solai misti.

Screenshot CYPECAD

La verifica della resistenza al fuoco per gli elementi strutturali in legno nelle Strutture 3D integrate di CYPECAD viene condotta dal modulo differente: il modulo Profilati in legno (comune a Strutture 3D e a Strutture 3D integrate di CYPECAD). Quest’ultimo dimensiona le sezioni in legno nei confronti dell’azione del fuoco affinché soddisfino le prescrizioni previste dalla normativa selezionata (CTE DB SE-M –Spagna-, NBR 7190 o Eurocodice 5).

È possibile trovare maggiori informazioni circa tale verifica nei programmi di CYPE in Verifica di resistenza al fuoco.

Unioni saldate e bullonate

I moduli relativi alle unioni progettati da CYPE (Unioni I. Saldate. Capannoni con profilati laminati e saldati a doppio T, Unioni II. Bullonate. Capannoni con profilati laminati e saldati a doppio T, Unioni III. Saldate. Telai per edifici con profilati laminati e saldati a doppio T, Unioni IV. Bullonate. Telai per edifici con profilati laminati e saldati a doppio T, Unioni V. Travature reticolari piane con profilati tubolari) si possono utilizzare sia in CYPECAD che in Strutture 3D (comprese

La tipologia di unioni risolte nei moduli Unioni I, Unioni II e Unioni V presenta un campo di applicazione più vasto nell’ambito del progetto di capannoni in Strutture 3D e nelle Strutture 3D integrate di CYPECAD, mentre la tipologia di unioni dimensionate dai moduli Unioni III e Unioni IV si applica maggiormente nelle strutture edilizie formate da telai calcolati mediante CYPECAD. Ciononostante, un’unione dimensionata da qualsiasi modulo tra quelli sopra menzionati viene risolta allo stesso modo da un programma o dall’altro. Infatti, i moduli Unioni I, Unioni II, Unioni III e Unioni IV presentano tipologie di unioni comuni.

Screenshot Strutture 3D

È possibile trovare informazioni dettagliate circa le caratteristiche di questi moduli nei link seguenti:

Unioni I. Saldate: Capannoni con profilati laminati e saldati a doppio T  

Screenshot Strutture 3DScreenshot Strutture 3DScreenshot Strutture 3D

Screenshot Strutture 3D

Unioni II. Bullonate: Capannoni con profilati laminati e saldati a doppio T

Screenshot Strutture 3DScreenshot Strutture 3DScreenshot Strutture 3D

Screenshot Strutture 3D Screenshot Strutture 3D

Unioni III. Saldate: Telai per edifici con profilati laminati e saldati a doppio T

 

Screenshot Strutture 3D

Unioni IV. Bullonate: Telai con profilati laminati e saldati a doppio T

Screenshot Strutture 3D

Unioni V: Travature reticolari piane con profilati tubolari

Calcolo con multiprocessori

Screenshot CYPECAD

Durante la procedura di calcolo, CYPECAD e Strutture 3D utilizzano il potenziale offerto dai multiprocessori.

Per sfruttare queste prestazioni, CYPECAD e Strutture 3D dispongono di due moduli comuni che consentono di ridurre considerevolmente le tempistiche di calcolo:

È possibile trovare maggiori informazioni circa questi moduli e uno studio comparativo che indica le tempistiche di calcolo con e senza il loro utilizzo in Calcolo con multiprocessori.

Esportazione in TEKLA® Structures, TecnoMETAL® 4D e CIS/2

Una volta terminata la procedura di calcolo di una struttura, è possibile esportare in TEKLA® Structures, in TecnoMETAL® 4D e in formato CIS/2 i pilastri, le travi e l’esploso delle unioni (dimensionate tramite i moduli Unioni I, Unioni II, Unioni III e Unioni IV) di CYPECAD e delle sue Strutture 3D integrate. Inoltre, nel momento in cui si esegua l’esportazione di una struttura in TEKLA® Structures, in essa si includono anche le unioni dimensionate con il modulo Unioni V.

È possibile trovare maggiori informazioni circa gli elementi esportati in Esportazione in TEKLA® Structures, in Esportazione in TecnoMETAL® 4D e in Esportazione in formato CIS/2.

Per poter esportare i pilastri e le travi di CYPECAD e delle sue Strutture 3D integrate in TEKLA® Structures, in TecnoMETAL® 4D e in formato CIS/2, non è necessario che i moduli Esportazione in Tekla, Esportazione in TecnoMETAL o Esportazione in formato CIS/2 siano inclusi nella licenza d’uso. Se nella licenza d’uso sono compresi un modulo tra quelli sopra menzionati e uno tra i moduli Unioni I, Unioni II, Unioni III, Unioni IV o Unioni V, è anche possibile esportare le unioni dimensionate (Unioni V unicamente in TEKLA® Structures).

Esportazione in formato IFC

CYPECAD. Viste 3D di solai monodirezionali (precompressi e tralicciati)

CYPECAD consente di esportare in formato IFC (Industry Foundation Classes) tutti gli elementi strutturali dimensionati, in modo tale che l’informazione inserita e generata in CYPECAD possa essere letta in programmi CAD/BIM quali Allplan®, Archicad®, Revit®Architecture, ecc.

Per eseguire l’esportazione di un progetto è stata implementata l’opzione Esportazione in formato IFC (menu File > Esportare).

Il riquadro di dialogo Esportazione in formato ‘IFC’ (menu File > Esportare > IFC) consente di scegliere quattro diverse tipologie del formato IFC per generare il file esportato:

CYPECAD. Esportazione in formato IFC

Al termine dell’esportazione, CYPECAD assegna colori differenti ai materiali con cui si realizzano gli elementi strutturali che consente di esportare (calcestruzzo, acciaio, legno, muri in muratura, muri in mattoni, aste realizzate in materiale generico delle strutture 3D integrate). Anche al termine dell’esportazione in Archicad® si generano trame per ciascun materiale.

L'esportazione in formato IFC include i travetti dei diversi tipi di solai monodirezionali (armati, precompressi, gettati in opera, in acciaio e tralicciati). Tali elementi possono essere visualizzati anche nelle viste in 3D prodotte da CYPECAD.

CYPECAD consente inoltre di importare file in formato IFC generati da programmi CAD/BIM tramite il modulo Inserimento automatico di progetti: DXF, DWG e modelli CAD/BIM. È possibile trovare maggiori informazioni circa l’importazione di file IFC in CYPECAD in Inserimento di dati (Geometria della struttura). Affinché CYPECAD esegua l’esportazione del progetto in formato IFC, non è necessario che la licenza dell’utente disponga del modulo “Inserimento automatico di progetti: DXF, DWG e modelli CAD/BIM”.

Risultati

All’interno del progrmma sono presenti numerosi strumenti che consentono di verificare tutti i risultati grafici sullo schermo.

Screenshot CYPECAD

Una volta conclusa la procedura di calcolo, si può consultare graficamente la deformata della struttura in 3D (identificata attraverso una scala di colori) derivante da ipotesi di carico semplici o da combinazioni di ipotesi di carico (sisma compreso), potendone visualizzare un’animazione variabile in funzione della combinazione di ipotesi selezionata.

Screenshot CYPECAD

Gli spostamenti, le azioni interne, le combinazioni delle azioni interne e i rapporti di armatura di solai in getto pieno, di solai nervati e di piastre di fondazione possono essere rappresentati tramite curve di isovalori (diagrammi colorati in cui ogni colore rappresenta un valore) e di isolinee (curve che uniscono punti geometrici con lo stesso valore).

È inoltre possibile consultare graficamente gli inviluppi delle azioni interne, delle frecce, ecc., e modificare le armature di tutti gli elementi strutturali (plinti, plinti su pali, travi, pilastri e solai con travetti), che vengono successivamente verificate.

L’editor di armatura di travi consente di eseguire varie operazione, tra cui visualizzare il telaio nella sua globalità, modificare graficamente i risultati, aggiungere, cancellare, unire, dividere barre longitudinali e staffe, così come modificarne le lunghezze e le piegature.

Screenshot CYPECAD

È possibile copiare armature tra telai appartenenti allo stesso piano o a piani differenti e raggruppare telai dello stesso piano, precedentemente e in seguito al calcolo.

L’utente può inoltre uguagliare automaticamente le lunghezze o i rapporti di armatura relativi alle armature superiori in solai con travetti, in modo tale da ricavare armature maggiormente uniformi e, pertanto, più semplici da disporre in opera.

Il programma consente di modificare le armature di solai nervati e a lastra per mezzo di tabelle, di copiare l’armatura di un piano in un altro, di modificare la geometria in seguito al calcolo e di inserire armatura senza la necessità di calcolare.

L’opzione modifica di plinti, plinti su pali, piastre di ancoraggio, travi e cordoli di collegamento permette di verificare qualsiasi geometria e armatura definita dall’utente, di ottenere gli elenchi di tutte le verifiche eseguite sulla fondazione e di consultare se esse siano o meno soddisfatte.

Infine, è possibile uguagliare la geometria, la tipologia e le armature di plinti, plinti su pali, travi di collegamento, cordoli di collegamento e piastre di ancoraggio.

Disegni esecutivi

Screenshot CYPECAD

I disegni esecutivi si possono configurare in differenti formati e dimensioni di pagina (standard o definite dall’utente), inviare alla stampante, al plotter o esportare in formato DXF e DWG. Nei disegni esecutivi in pianta si possono includere file DXF o DWG utilizzati per definire il progetto, di cui è possibile integrare il contenuto globale o unicamente i layer desiderati quali, ad esempio, le scale.

Nei disegni esecutivi del progetto è presente un editor di disegno che consente di utilizzare più risorse: aggiungere quote, testi, sezioni dell’edificio, dettagli costruttivi in formato DXF, sezioni di solaio, modificare la posizione di testi, ecc. Tali modifiche si salvano insieme al progetto.

CYPECAD possiede un’ampia libreria di dettagli costruttivi per quanto concerne gli elementi strutturali in acciaio, in calcestruzzo, i solai misti e inclinati, che si possono aggiungere a qualsiasi disegno esecutivo generato dal programma. È inoltre possibile acquistare tale libreria, editata in due volumi, che include i dettagli in formato DXF e DWG.

Si può applicare qualsiasi scala, spessore di linea, dimensione dei caratteri, cartiglio, ecc., in modo tale da personalizzare completamente il disegno esecutivo.

CYPECAD fornisce disegni esecutivi completi e chiari, tra cui piante strutturali, disegni esecutivi in pianta, di fondazioni, di travi, tabelle di pilastri, esplosi di pilastri e pareti di taglio, carichi su fondazioni, prospetti di muri, esplosi di scale, carichi, mensole tozze, ecc., che si possono configurare affinché l’utente possa adattarli alle sue necessità. Dispone infine di un editor che consente di spostare i testi durante la visualizzazione dei disegni esecutivi.

Screenshot CYPECAD

Elenchi

È possibile ricavare con grande facilità gli elenchi di tutti i dati inseriti e dei risultati ottenuti, tra cui quelli dei dati del progetto, delle combinazioni usate nel calcolo, della fondazione, di mensole tozze, di inviluppi, di armature e di misurazione di tutti gli elementi, dei rapporti di armatura del progetto, dei carichi orizzontali del vento, dei coefficienti di partecipazione (sisma), degli effetti del secondo ordine, ecc.

L’utente può consultarli graficamente sullo schermo o per via cartacea stampandoli; può infine creare file in formato HTML, DXF. DWG, RTF, PDF, ecc.

Elenchi dettagliati relativi alle verifiche agli stati limite ultimi

Screenshot stati limite ultimi Screenshot stati limite ultimi

CYPECAD, Strutture 3D e il Generatore di telai generano elenchi dettagliati relativi alle verifiche agli stati limite ultimi (SLU) di profilati in acciaio laminato, saldato e sagomato, in alluminio e in legno. Per ogni verifica viene specificata la norma o l’articolo secondo cui la stessa viene condotta, o, in assenza di riferimenti concreti, il criterio seguito per realizzarla. Il dettaglio e la precisione di tali elenchi li converte in documenti essenziali grazie ai quali l’utente può verificare, giustificare e ottimizzare il dimensionamento degli elementi strutturali analizzati.

Essi contengono tutte le verifiche eseguite dal programma per dimensionare i profilati e costituiscono un importante documento tramite cui l’utente può:

Il livello di dettaglio di questi elenchi conferisce loro un carattere didattico che consente all’utente di conoscere tutte le verifiche che si conducono su un profilato.

È possibile trovare maggiori informazioni circa tali documenti (modalità di ottenimento, tipi di profilati e norme per le quali si possono generare, ecc.) in Elenchi dettagliati delle relativi alle verifiche degli agli stati limite ultimi.

Sistemi di protezione collettiva

Screenshot. Sistemi di protezione collettiva

Il modulo Sistemi di protezione collettiva consente di generare i disegni esecutivi e il bilancio dei sistemi di protezione collettiva di un progetto previsti in CYPECAD.

Tra di essi, ubicati nella linguetta Sicurezza e Salute di CYPECAD, è possibile definire reti verticali di sicurezza (sistema V), parapetti e protezioni di aperture. Si possono inoltre specificare zone di accumulo e l’ubicazione di gru.

È possibile trovare maggiori informazioni circa questo modulo di CYPECAD in Sistemi di protezione collettiva.

Caratteristiche che distinguono CYPECAD

Inserimento automatico di progetti. Il modulo Inserimento automatico di progetti: DXF, DWG e modelli CAD/BIM di CYPECAD consente di generare automaticamente la struttura mediante l’importazione di file in formato IFC generati dai principali programmi CAD/BIM (Allplan®, Archicad®, Revit® Architecture) o attraverso l’interpretazione di file in formato DXF e DWG.

Elevata potenza di calcolo. Il programma inverte la matrice di rigidezza globale delle strutture nel minor tempo possibile grazie a metodi basati sulla condensazione di sottostrutture e alla risoluzione del sistema di equazioni tramite metodi frontali, senza limite nel numero di nodi e aste.

Calcolo sismico. CYPECAD esegue un’analisi modale spettrale completa che risolve ciascun modo in termini di un’ipotesi di carico ed esegue l’espansione modale e la combinazione modale per ricavare le azioni interne; tutto ciò senza la necessità di produrre forze sismiche statiche equivalenti.

Calcolo personalizzato. L’utente può contare su una grande quantità di opzioni di calcolo e di armatura;. inoltre, per ogni elemento strutturale e posizione occupata dalle armature, può definire tabelle di armature personalizzate.

L’utente può personalizzare i disegni esecutivi conformemente alle sue necessità, dato che il programma consente di configurare tutti i layer e tutti gli elementi del disegno e di generarli in file DXF, DWG, oppure di stamparli mediante stampante e plotter.

Versatilità della fondazione. I plinti e i plinti su pali ammettono più elementi di sostegno, che possono essere dello stesso tipo o derivare dalla combinazione di pilastri, pareti di taglio e tratti di muri.

Mediante il modulo Calcolo avanzato di fondazioni superficiali è possibile progettare fondazioni su plinti o plinti su pali con incontri speciali (intersezioni fra cordoli e travi di collegamento), stabilire limiti poligonali per plinti e inserire carichi lineari, puntuali e superficiali su plinti, plinti su pali, cordoli e travi di collegamento.

Editor potente di armature. Si possono modificare la geometria e le armature in tutti gli elementi dimensionati per mezzo di vari strumenti che agevolano tale operazione.

Elenchi dettagliati delle verifiche degli relative agli stati limite ultimi (SLU) di profilati in acciaio laminato, saldato e sagomato, in alluminio e in legno. Contengono tutte le verifiche eseguite dal programma per il dimensionamento di profilati e rappresentano un importante documento tramite cui l’utente può verificare e ottimizzare il dimensionamento di profilati.

Disegni esecutivi completi. I disegni esecutivi della struttura sono molto completi, dato che il programma offre la possibilità di comporli, includere dettagli costruttivi, DXF, DWG, cartigli, tabelle di misurazione, ecc, in modo tale che risultino alquanto precisi e dettagliati.

Dimensionamento di unioni saldate e bullonate per profilati laminati e saldati a doppio T mediante i moduli Unioni I, Unioni II, Unioni III e Unioni IV e per profilati tubolari attraverso Unioni V.

Esportazione in TEKLA® Structures, in TecnoMETAL ® 4D e in formato CIS/2. Il programma dispone di moduli aggiuntivi, comuni a CYPECAD e a Strutture 3D, che consentono di esportare in TEKLA Structures, in TecnoMETAL 4D e in formato CIS/2 le strutture 3D integrate.

Più di 1.100 dettagli compongono l’ampia libreria di dettagli costruttivi per elementi in acciaio, in calcestruzzo, misti e per solai inclinati disponibili nei disegni esecutivi generati dal programma. L’utente può acquistare tale libreria, pubblicata in due volumi, che include i dettagli in formato DXF e DWG.

Affidabilità nel calcolo. Più di 54000 professionisti, utenti dei nostri programmi, confidano nei risultati ottenuti. L’esperienza e l’affidabilità sono la migliore garanzia che possiamo offrire.

Non dimentichi che i nostri esperti dei dipartimenti di supporto tecnico e post-vendita le offrono tutti i servizi aggiuntivi di cui può aver bisogno.

Norme comprese nella licenza dell'utente

A seconda del paese in cui si acquista la licenza, si attiva unicamente la normativa implementata in ciascun programma per lavorare in quel paese. È possibile ricavare maggiori informazioni circa questo aspetto e la possibilità di acquistare norme inizialmente non incluse in Programmi e norme comprese nella licenza dell’utente.

Versioni e moduli di CYPECAD

Versioni di CYPECAD

Esistono due versioni commerciali di CYPECAD: CYPECAD e CYPECAD LT. Entrambe sono costituite da più moduli, che si possono acquistare congiuntamente o combinati tra di loro, che consentono di sviluppare tutte le utilities del programma.

Strutture 3D integrate di CYPECAD non è un modulo propriamente detto in quanto tale; per definire strutture 3D in acciaio all’interno di CYPECAD è necessario che l’utente disponga della licenza d’uso che consenta di usare Strutture 3D. Inoltre, se nella licenza d’uso è incluso il modulo relativo ai profilati in legno di Strutture 3D, è possibile definire strutture 3D in legno integrate in CYPECAD. 

CYPECAD LT è la versione limitata del programma, nonostantedisponga degli stessi strumenti e possibilità di acquisto di moduli di CYPECAD. Tramite CYPECAD LT è possibile calcolare strutture che non eccedano le seguenti condizioni:

Moduli di CYPECAD

Nel seguito si indicano i moduli che è possibile acquistare insieme a CYPECAD o CYPECAD LT:

(1) Moduli comuni a CYPECAD e Strutture 3D
(2) Moduli comuni a CYPECAD, strutture 3D integrate di CYPECAD e Strutture 3D
(3) Moduli comuni a strutture 3D integrate di CYPECAD e Strutture 3D
(4) Moduli comuni a strutture 3D integrate di CYPECAD e Strutture 3D

Programmi correlati

Contatti e informazioni per l'Italia:
Tel. (+39) 0694800227
info@cype.it

Sede centrale:
CYPE Ingenieros, S.A. - Avda. Eusebio Sempere, 5 - 03003 ALICANTE. Spagna
Tel.(+34) 965922550 - Fax (+34) 965124950
CYPE Software per Architettura, Ingegneria ed Edilizia